Porcino

La carne di suino ha un contenuto di macronutrienti diverso a seconda dell’età di macellazione, del tipo di alimentazione e della parte che viene consumata. La sua proteina ha un alto valore biologico.

Le parti più magre hanno circa 4 – 8 g di grasso per ogni 100 g di alimento completo, mentre quelli di contenuto lipidico superiore arrivano a quasi 30 g per ogni 100 g di alimento (i lipidi sono i macronutrienti che variano maggiormente perché dipendono dalla specie, razza, sesso, età, taglio della carne, pezzo che si consuma e alimentazione dell’animale). Circa il 70% del grasso si trova sotto la pelle, pertanto essendo visibile si può eliminare più facilmente.

La carne di maiale si può considerare una buona fonte di minerali. Il ferro emo e lo zinco della sua composizione presentano un’alta biodisponibilità rispetto ai minerali degli alimenti di origine vegetale.

Sono presenti anche altri minerali importanti come il magnesio, il fosforo, il potassio e il selenio.

Nel caso delle vitamine, costituiscono una buona fonte di tiamina. Per migliorare il profilo calorico della nostra dieta attuale si raccomanda che quando si sceglie la carne di suino da consumare, si opti per i tipi e le parti più magre, relegando le carni grasse ad un consumo sporadico, oppure togliere il grasso visibile prima di mangiare.

Porcino

Tabla Porcino